Emanuele Zanella, esperto di coaching. Posso aiutarti a sciogliere i blocci emotivi che ti impediscono di vivere appieno la tua giornata.

Come Combattere il Mobbing sul Lavoro con la Mentalità Vincente mobbing sul lavoro Full view

Come Combattere il Mobbing sul Lavoro con la Mentalità Vincente

Il luogo di lavoro è il posto in cui passiamo la maggior parte del tempo, e quindi è dove si creano maggiormente le nostre abitudini comportamentali e mentali.

Frustrazione, incomprensione, rabbia, sofferenza, stress, mal di stomaco, gastriti, disistima, logorio mentale, notti insonni, pensieri negativi, pressioni, cali del desiderio, problemi di coppia, insoddisfazione, apatia ecc.

Questo logorio a volte diventa cosi potente e snervante al punto da portare una persona a pensare di licenziarsi e cambiare lavoro per sopravvivere dalle pressioni personali dei superiori o colleghi come se fosse l’unica salvezza.

Il Mobbing è molto diffuso nei luoghi di lavoro molto più di quello che si può pensare,  e chi lo subisce ne diventa vittima, e quando accade questo si attiva un processo naturale di forze sottili istintuali e naturali tra preda e predatorte.

In natura se un animale diventa vittima, quindi preda, l’altro diventa predatore!

Stesso principio vale nella vita personale con le persone a livello emotivo, energetico e comportamentale.

Siccome abbiamo dentro di noi l’istinto, questo agisce sempre in modo più o meno rilevante, e per natura quando una persona diventa preda, attiva negli altri il meccanismo di predatore.

Questo meccanismo si attiva solo per chi ha problemi di autostima, e tende e a farsi forte, scaricare le proprie frustrazioni, le proprie debolezze interiori inconsce, altrimenti non lo farebbe mai grazie alla sua sicurezza e autostima consolidata.

Una persona sicura non spreca energia per dimostrare di essere di più di quello che è, perché è in pace con se stesso, una persona insicura invece, siccome ha paura della sua debolezza, diventa feroce contro i più deboli per compensarla.

Immagino che hai già compreso che questo viene fatto solo con chi si manifesta più debole ai suoi occhi, e quindi per natura se la preda smette di essere preda e diventa predatore, in automatico il predatore è costretto a diventare preda.

Sono le regole della natura, la legge del più forte!
Sono le regole tra Yin & Yang, Up & Down, Preda & Predatore.

È molto importante assimilare questi concenti perché ti renderà la vita ,molto più semplice evitando di costruire castelli di fumo nella tua testa.

Quante volte abbiamo visto animali di piccola taglia vincere contro animali più grandi e più forti?  Eppure a livello fisico fisiologico non ha alcun senso, ma accade!

ASCOLTA L’AUDIO SU COME CONTRASTARE LE PRESSIONE SUL LAVORO


Per scaricarlo e ascoltarlo come e dove vuoi, clicca qui sopra!

DEBOLEZZA MENTALE

Nel concreto quando mettiamo in atto per molto tempo questo atteggiamento, le sinapsi, un dialogo interno, la parte pensante, la parte emotiva, i polmoni che sono strettamente collegati al cervello, gli organi e la pancia che è chiamata il secondo cervello, vengono condizionati a tal punto da confermare e radicare questo atteggiamento/pensiero fino a diventare parte integrante di noi.

Da quel momento in poi si installano dubbi dentro la mente, e il dubbio è un potente fattore ipnotico destabilizzante per il semplice fatto che non è reale, non ha nessuna fondamenta, ma è molto potente.

CONSEGUENZE NEGATIVE

1  Purtroppo quando si entra dentro quel circolo vizioso oscuro, si tende a comprimere prima di tutto le emozioni, facendo diventare il proprio corpo come un bidone della spazzatura emotiva. Compressione e Frustrazione continua.

2  Non siamo più in grado di reagire alle provocazioni in modo fluido senza accanimenti, quindi per evitare di rispondere con troppa violenza si tende a soccombere ulteriormente per evitare sbotti troppo violenti.
Paura di reagire in modo troppo brusco.

3  Dal momento che si innesca la paura, si attiva un processo di blocco interiore distruttivo e limitante che contagia l’identità della persona, i pensieri, l’atteggiamento e azioni.

4  Rimanendo per molto tempo in questo stato, la mente si abitua e la paura di agire diventa parte integrante, perdendo cosi di vista le passioni perché si tende sempre a fare di più per riempire il vuoto che si crea dentro di se.

5  Legge dell’attrazione. Dal momento che si installano questi dubbi in testa di non essere in grado di superare i problemi, di non essere in grado, di avere qualche blocco dentro di te, alimenti il fattore energetico “preda”, attirando di conseguenza i “predatori.”

6  Il blocco diventa un’abitudine, e siccome non si riesce più a reagire nel luogo di lavoro, si reagisce con troppa forza con le persone più deboli, emulando cosi lo stesso comportamento dei superiori per diventare predatore e non più preda.

7  La paura diventa intrinseca e parte integrante dell’individuo, la quale blocca il plesso solare e rende blocca il coraggio, la determinazione, la gioia di vivere, la spensieratezza.

Adesso hai compreso il processo che si forma a livello analogico, il ciclo che inizia dal fattore preda, e finisce con il bisogno di diventare predatore per sopravvivenza, “emulando” il predatore con chi è più debole inconsapevolmente.

Lo so, è tremendo, è terribile, ma avviene, e il primo passo per evitare questo comportamento è la consapevolezza.

Da considerare che può avverarsi anche l’esatto opposto, cioè alimentare la paura in frustrazione e debolezza totale, quindi diventare preda a 360°, entrando in totale apatia e disistima.

MENTALITÀ VINCENTE E
FILOSOFIA ANALOGICA

Ormai sono anni che aiuto fighter a combattere al meglio delle proprie abilità, trasformando le loro debolezze in potenza e determinazione lavorando molto sulla filosofia del combattimento seguendo le regole dell’istinto.

Come? Conoscendo le regole dell’istinto, possiamo fare diventare conscio quello che è inconscio, e addestrare la mente a reagire in modo istintuale, quindi automatico come vogliamo noi eliminando la sottomissione emotiva.

Si, noi andiamo in Down perché la parte emotiva viene scossa in modo rilevante, si aggancia, e ne diventiamo “prede”.

Coniugando la filosofia analogica del combattente, quindi le regole della natura, e l’intelligenza emotiva in modo strategico, la mente sviluppa un potere incredibile perché attiva dei meccanismi di emulazione istintuale razionale, cioè decisa dall’individuo in modo da rubare le abilità ai propri avversari eliminando a priori il fattore preda, ma attivando un processo interiore costante di predatore.

Lavoro con medici, infermieri, avvocati, operai, dirigenti, imprenditori, sportivi, allenatori, e ti garantisco che i risultati sono ottimi perché dal momento che cambiano la loro energia interna e filosofia analogica, imparano a sfruttare ogni momento in modo attivo e non più passivo.

Come? Uno dei passi essenziali è comprendere e decidere di rimanere predatore anche quando le cose non vanno come vorresti, ma che fa parte del gioco.

Questo lo impari apprendendo il funzionamento automatico fisiologico dovuto dalle stimolazioni emotive. Modificando quelle razioni fisiche, potrai modificare anche quelle emotive perché il corpo influisce la mente, e la mente influisce il corpo.

Nel master online sulla Mentalità Vincente e nelle sessioni di coaching insegno questi meccanismi in modo completo allenando la mente ad attivare l’intelligenza emotiva per i propri interessi in  modo attivo e produttivo, e non più in modo neutro e controproducente.

Queste regole sono state applicate nel combattimento fisico e hanno portato moltissimi atleti ad indossare la cintura di campione perché mentalmente ed emotivamente erano integri, senza debolezze, freddi come il ghiaccio, determinati, coraggiosi mentalmente e fisicamente.

Una delle regole basiche della Mentalità Vincente è: se ci riesce lui, lo posso fare anche io, devo solo capire come fare.

A questo punto se ti senti frustrato perché non hai la risposta pronta o reagisci con troppa forza,  non riesci ad esprimere la tua personalità e ti rendi conto che attiri nella tua vita molti “predatori”, fermati un attimo e rifletti se ti meriti questo fardello.

Nella Mentalità Vincente lavoriamo anche su questo aspetto inconscio in modo da aprire i canali di energia mentale ed emotiva alle cose belle e a tutto quello che fa piacere.

Una volta entrato in contatto con quelle frequenze grazie un nuovo assetto mentale e comportamentale, la vita cambia di conseguenza in meglio.

Emanuele Zanella – Mental Coach – Analogista
specializzato in sviluppo dello stato di Flow, Sicurezza Personale e Mentalità Vincente.

Leave a comment